Seleziona una pagina

Tutto è iniziato nel 2008 durante la crisi finanziaria. La disoccupazione era preoccupante, e molti riuscivano a lavorare saltando da un lavoro part time ad un altro.
Chi avrebbe mai pensato che “questi impieghi part-time” stia assomigliando sempre di più ad uno stile di vita per le nuove generazioni nei prossimi anni?

La Gig Economy, o l’Uberizzazione del lavoro, com’è stata definita da Forbes, è una delle nuove tendenze tra i millennials.
Ormai, lo sappiamo alla nausea, l’avvento di Internet, smartphone e un altro milione di oggetti tecnologici ha reso più facile connettersi con persone di tutto il mondo e creare entrate economiche da attività a breve termine senza doversi impegnare a lungo in una singola azienda.

Ma prima di continuare a spiegare cos’è la Gig Economy e come funziona, è importante capire il vero significato della parola “Gig”.

 

Cos’è un Gig?

Originariamente usato dall’industria musicale, un gig è un lavoro a breve termine, un progetto o un’esibizione retribuita. Spesso riferito a un lavoro da freelance o un lavoro a progetto, una semplice definizione di gig potrebbe essere “lavoro temporaneo” – “lavoretto per il momento”.

Alcuni esempi comuni di Gig sono:

  • Una performance di musica dal vivo o un atto teatrale
  • Una corsa per un autista Uber
  • Un un articolo pagato per un sito Web
  • Una campagna di marketing

I “dipendenti” della Gig Economy includono liberi professionisti, consulenti, broker, lavoratori a progetto, assunzioni temporanee e part-time.

Cos’è la Gig Economy?

La Gig Economy è un sistema di libero mercato in cui le transazioni avvengono “a task/attività” e i lavoratori sono indipendenti senza essere vincolati tramite contratti a lungo termine con qualsiasi azienda.

Questo modello è estremamente ampio. Include tutti i lavori a breve termine che vanno dalla musica alla consulenza. I lavoratori che fanno parte della Gig Economy possono essere musicisti jazz part-time, autisti Uber a tempo pieno o consulenti indipendenti a tempo pieno. L’unico fattore che differenzia e guida questa economia è l’assenza di un contratto di lavoro a lungo termine; chiunque può lavorare con chiunque per tutto il tempo che vuole e viene pagato solo per la quantità di lavoro che ha svolto.

Dalla crisi finanziaria del 2008-2009, persone e aziende sono diventate più inclini a lavorare come e con freelance (liberi professionisti). Secondo un rapporto di HBR , circa 150 milioni di lavoratori nel Nord America e nell’Europa occidentale hanno lasciato i loro posti di lavoro stabili per lavorare come liberi professionisti o consulenti.

Ora, i gigger sono semplicemente le persone che svolgono un lavoro gig.
I gigger spesso riuniscono diversi Gig. Ovvero lavorano con più di una compagnia e lavorano in modo flessibile.

Diciamo che sono quelle persone che noi abbiamo sempre chiamato liberi professionisti o consulenti, con i vantaggi derivanti dallo smart working, che evolvono la figura ad una figura più flessibile e meno “dipendente dei suoi clienti”.

 

Gig Economy Trend – L’ascesa di Gig Economy

 


 

Secondo il rapporto Intuit 2020 , il numero di gigger supererà il 40% della forza lavoro entro la fine del 2020.
Un altro rapporto di Upwork ( Future Workforce Report ), il 59% delle aziende negli USA, statunitensi ora utilizza anche in piccola misura i lavoratori della Gig Economy, inclusi liberi professionisti e lavoratori part-time.

Sia le grandi aziende che le piccole e giovani imprese, si stanno muovendo verso la creazione di proprie reti collaborative di lavoratori part-time per ridurre i costi, ottenere più lavoro ed espandere la loro rosa di talenti disponibili. Un esempio perfetto di questo è Uber. La società non possiede auto, ma è il brand di taxi più grande al mondo.

Questa nuova forma di lavoro ha attirato l’attenzione sia delle aziende che dei lavoratori. Per le aziende, i lavoratori agiscono come partner e non ha alcun obbligo di adempiere ad assistenza sanitaria, previdenza sociale o tasse. Per i lavoratori, ottengono più libertà, possono lavorare con chiunque scegliendo chi paga di più e sono liberi di lavorare negli orari che preferiscono.

Molte aziende hanno capitalizzato questa tendenza in aumento e hanno affermato i loro brand come un mercato per la ricerca di freelance (liberi professionisti). Alcuni di questi sono Fiverr, Upwork, Freelancer, ecc.

fiverr-upwork-gig-economy-giacomo-maragna

 

La digitalizzazione, ovviamente, ha grande merito per lo sviluppo della Gig Economy.
Le persone nei paesi sviluppati hanno ora accesso alla forza lavoro da paesi meno sviluppati o in via di sviluppo, che hanno prezzi molto bassi. Il miglioramento della tecnologia e della comunicazione ha anche alimentato la crescita della Gig Economy poiché gran parte del lavoro viene svolto in remoto.

Anche i governi stanno contribuendo a stimolare la crescita dell’economia dei concerti creando leggi come Freelancing Is Not Free (Il libero professionista non è gratuito) per garantire che i liberi professionisti siano pagati per il lavoro che svolgono.

Qui mi soffermo un attimo. In italia non posso affermare che sono state prodotte leggi per la Gig Economy perché sarebbe una bugia. In Italia, si ha portato attenzione ai Rider, quelli che consegnano cibo a domicilio. E quindi solo un preciso lavoro.

Le leggi che regolano la libera professione rimangono ancora “poco interessate”, alla tutela dei liberi professionisti.

Caratteristiche della Gig Economy

Oltre il 76% dei gigger afferma che non vorrebbero lasciare il loro lavoro da freelance per tornare a fare i dipendenti.

Perchè, ti starai chiedendo?

 

Vieni pagato per il lavoro che fai

A differenza dei lavori retribuiti “a fine mese”, il lavoro di freelance implica un prezzo per tutto. Il cliente paga di più se vuole di più.


Dichiari il ​​prezzo del tuo lavoro

La caratteristica più interessante della Gig Economy, che attira molti persone è che possono decidere il prezzo del loro lavoro. Questo va a favore dei freelance dal talento maggiore o più qualificati.


Impegni, requisiti e termini chiari

I Gig di solito includono requisiti di lavoro chiari, scadenze e termini. Questo rende facile per il gigger (gig worker) gestire ed organizzare il proprio tempo in maniera flessibile.


L’attenzione è sul risultato

Di solito, tutto ciò che interessa alle aziende clienti, è che il lavoro venga svolto secondo il brief, e si raggiunga l’obiettivo concordato entro la scadenza.

Alle aziende che si affidano alla Gig Economy, non importa se la persona sta lavorando con altre aziende e nemmeno in quali orari lavorerà.

Maggiore attenzione al brand

Questa nuova forma di lavoro ha permesso alle aziende di concentrarsi maggiormente sulla costruzione e la commercializzazione del Brand piuttosto che nell’investire in assistenza sanitaria e altre politiche di incentivi per i dipendenti. Uber, per esempio, prospera grazie a tale idea. Non fanno altro che fare incontrare la domanda con la richiesta, aggregando milioni di autisti in una piattaforma digitale, dove milioni di persone richiedono dei taxi.

Esempi di Gig Economy

La Gig Economy è molto vasta. Comprende quasi tutti i lavori temporanei e/o flessibili. Ecco alcuni esempi di lavori nella Gig Economy.

  • Artisti – serate e concerti, spettacoli teatrali, ecc.
  • Liberi professionisti – esperti competenti nei più vari settori, scrittori di contenuti (copywriter), grafici, produttori musicali, ecc.
  • Partnership bilaterali – partnership bilaterali come quella di Uber e degli autisti nella quale entrambe le parti lavorano insieme solo quando c’è richiesta.
  • Collaboratori part-time e/o temporanei assunti per progetto.

 

Pro e contro della Gig Economy

Come ogni stile di vita, anche la Gig Economy ha i suoi vantaggi e svantaggi.

 

I vantaggi della Gig Economy

Alle imprese

  • Meno risorse necessarie: adottando una forza lavoro remota, le aziende non devono spendere molti soldi per affittare uffici eleganti e fornire incentivi. Inoltre, dal momento che il il lavoratore è già esperto nel proprio campo, anche le aziende non devono spendere per la sua formazione.
  • Pool di esperti: le aziende possono scegliere quale sia il “miglior esperto” per loro. Ciò riduce l’attrito e aumenta la produttività.
  • Maggiore flessibilità: se l’azienda si affida maggiormente ai collaboratori gigger, diventa facile adeguare e cambiare la i collaboratori in base alle necessità del momento.
  • È il concetto sul quale si basano i business liquidi: costi fissi bassi, prevalenza di costi variabili e questo grazie all’uso di freelance, pagati a lavoro. Moltissime aziende italiane, negli ultimi anni, soprattutto nel digitale stanno ottenendo risultati strabilianti.

Ai lavoratori gig

  • Maggiore flessibilità: maggiore flessibilità per quanto riguarda il tempo e il luogo di lavoro e persino il datore di lavoro. Ciò migliora l’equilibrio tra lavoro e vita privata dei collaboratori.
  • Più soddisfazione: i lavoratori decidono il loro prezzo e scelgono i clienti che sembrano più interessanti. Ciò aumenta motivazione e soddisfazione.
  • Più soldi:  Se sei bravo in quello che fai, vieni pagato di più. Inoltre, c’è un prezzo per tutto quando si tratta di Gig Economy. Se il tuo cliente vuole di più, paga di più.

 

Gig Economy vs. Lavoro a contratto

Non importa quanto sembri simile, il lavoro nella Gig Economy è diverso dal lavoro a contratto tradizionale.

I dipendenti o collaboratori a contratto sono persone che vengono “trattenute” dalle società  e imprese per un lavoro prestabilito e per un periodo di tempo prestabilito.
Sono paragonabili ai normali dipendenti che devono raggiungere l’ufficio alle 8.00 ed eseguire le sue mansioni come dipendente.
L’unica caratteristica che li differenzia da un normale dipendente è che non ricevono benefici dell’essere assunti, come tasse, ferie pagate, malattia, ecc.

I gigger, invece, sono individui totalmente indipendenti che lavorano come partner e non come impiegati. Hanno contratti che si riferiscono solo al lavoro che deve essere svolto e non devono comportarsi come dipendenti all’interno dell’impresa.

 

Come lavorare nella Gig Economy

Disclaimer: prima di pensare di licenziarti e lavorare come freelance nella Gig Economy, assicurati di essere bravo in quello che fai o sarà molto difficile vivere a lungo in questa economia.

Ecco i 5 migliori siti Web su cui trovare lavoro:

  • Fiverr: Fiverr è la più grande rete (mercato) di liberi professionisti. Tutto quello che devi fare è pubblicare i tuoi servizi e il relativo prezzo.
  • Upwork: È simile a Fiverr ma è più organizzato. Puoi iscriverti a questo sito web indipendentemente dalla tua nicchia o specializzazione.
  • Freelancer.com – Freelancer è uno dei primi portali web per liberi professionisti. La caratteristica che lo distingue è che in questo caso anche gli ultimi arrivati sono considerati e possono cominciare a lavorare con facilità.
  • Gigster – Gigster è un ottimo sito di lavoro per chi cerca lavoro nell’IT, con particolare attenzione allo sviluppo di software.
  • 99Designs – Un luogo di lavoro “Gig” perfetto per designer.

 

Dai, dimmi cosa ne pensi!

Dimmi cosa ne pensi di questo articolo e della Gig Economy, qui sotto nei commenti!