Seleziona una pagina

Lo sapevi che sono oltre 100 milioni le startup che vengono lanciate ogni anno in tutto il mondo? Circa 3 al secondo, pazzesco.

E’ quindi indubbiamente un mondo altamente competitivo per un imprenditore o aspirante tale, e assicurarsi che la tua idea venga realizzata e si adatti al mercato è di fondamentale importanza.

Comprendere il valore economico di un prodotto o servizio prima di immetterlo nel mercato ti aiuta a valutare le entrate generate (fatturato) così come il profitto che esso produrrà.
Il giusto modello di business serve a prevedere con più accuratezza possibile le entrate e genera l’opportunità di innovare e rimodellare “il tuo piano aziendale” se il risultato previsto è disallineato dai tuoi obiettivi.

 

I fattori da valutare prima di scegliere il tuo modello di business

Se hai letto il mio articolo che spiega cos’è un modello di business, sai che ogni modello di business è composto da 3 parti fondanti:

  • Progettazione e produzione del prodotto
  • Promozione e vendita del prodotto
  • Guadagno derivante

Ed ecco i fattori da valutare prima di scegliere il tuo modello di business.

 

Il cliente

Per scegliere il modello di business giusto, il primo e il principale elemento da tenere a mente è il cliente.
Anteponi la creazione di valore del cliente al modello basato sul profitto. Ovviamente non sto dicendo che te ne devi sbattere del profitto, sto dicendo di focalizzare la tua attenzione sulla creazione di valore per il cliente, poiché se il cliente non ne percepisce il profitto sarà solo un sogno lontano.

Ecco alcune delle domande che ti puoi porre per lavorare a questo punto:

  • Chi è il mio cliente? ( Segmenta il tuo cliente dal resto della popolazione in base a dati demografici, psicografici, geografici e comportamentamentali)
  • Quali sono i suoi modelli di acquisto?
  • Qual è il problema che il mio prodotto o servizio risolve?
  • Come posso progettare il mio “Revenue Model” (Modello di generazione di profitto) che preserva il valore generato per il cliente?

Considerare queste domande aiuta a definire le caratteristiche e le qualità del cliente che si intende servire.

 

La proposta di valore

Una proposta di valore è la promessa di benefici tangibili che un cliente riceverà dal consumo o dall’esperienza dell’offerta.

La proposta di valore deriva dall’idea di base di “come risolvi il problema dei clienti?”. Uber risolve il problema della prenotazione di taxi creando taxi su richiesta. Airbnb consente alle persone di condividere le loro proprietà non utilizzate. Google rende Internet semplice usando il suo algoritmo per aiutare le persone a cercare e trovare ciò che vogliono.

 

Leggi anche: Come sviluppare un modello di business ideale?

 

Il tuo modello di business ruota attorno alla capitalizzazione della proposta di valore, ovvero in che modo il cliente trarrà vantaggio dalla tua offerta mentre genererà profitto per te.

Uber addebita commissioni ai conducenti per ogni cliente derivante dalla sua applicazione. Anche Airbnb funziona su un modello simile basato su commissioni mentre Google utilizza il modello aziendale basato sulla pubblicità per semplificare il Web.

 

Il mercato

Un altro importante elemento da considerare è il mercato e tutta la costellazione di competitors che vi sono al suo interno. Decidere di avventurarsi in un mercato dove sono già presenti concorrenti e la quantità di clienti è molto ristretta, non è una bella idea (a meno che tu non possa contare su fondi tali da poter sorpassare i competitor). Sviluppa il tuo modello di business in modo da servire un mercato in crescita o che potenzialmente potrebbe crescere e nel quale ci sono persone disposte a provare le nuove realtà arrivate ( i cosiddetti early adopters o adottatori precoci).

Prendiamo ad esempio Java, il linguaggio è stato progettato per la televisione interattiva nel 1991, che evidentemente non funzionava in quel momento. Tuttavia, una semplice modifica del modello di business ha reso il linguaggio di programmazione aperto a tutti i browser Web e ha reso Java quello che è oggi.

Magari ti starai chiedendo:

Si, va bene, ma nel mercato al quale mi vorrei rivolgere ci sono clienti e anche tanti competitors, come faccio? Giacomo, mi stai dicendo che non è una buona idea?

No, assolutamente, sarà semplicemente più impegnativo. E ti dico di più, attualmente è difficile trovare un mercato nel quale non vi siano competitors. Quindi non resta che porre ancora più attenzione e focus sullo sviluppo del proprio modello di business e renderlo il meglio possibile adatto alla tua realtà.

Studia come i player esistenti servono i clienti, come guadagnano e come vendono.

Costruire un prototipo e distribuirlo tramite una forza vendita diretta, negozi al dettaglio, sito di e-commerce, ecc. Può anche aiutare a determinare la fattibilità del modello di business nell’attuale scenario di mercato.

 

Scalabilità

La scalabilità è un fattore importante per la crescita e il successo di un’azienda.
Ed è la capacità di un’impresa di soddisfare la crescente richiesta dal mercato, migliorando via via il margine di profitto mentre aumenta il volume delle vendite.

Detta semplice semplice, se un cliente mi profitta 1€ e due clienti mi profittano 2€, tre clienti mi profittano 4€.

Questo perché la struttura di costi e il modello di business sostiene la scalabilità.
Sebbene l’implementazione della scalabilità dovrebbe essere presa in considerazione solo dopo che l’impresa diventa redditizia, il mio consiglio e di considerarla già dai primi momenti, in modo da impostare un modello di business che potenzialmente potrebbe diventare scalabile.

Scegliere un la vendita di un servizio in abbonamento è sicuramente meglio che la vendita di un servizio ad ore, poiché nel primo non ho limiti di abbonati o per lo meno sono molto elevati, nel secondo invece “finito tempo finito divertimento”.

 

Costi

I costi, sia diretti che indiretti (oppure costi variabili e costi fissi), svolgono un ruolo molto importante nel decidere e strutturare il modello di business della tua startup.

 

Ottieni il massimo feedback con un prototipo

Il miglior feedback del tuo prodotto o servizio, non puoi che riceverlo dai clienti ai quali ti rivolgi. La ricerca e la raccolta di informazioni sul potenziale del tuo prodotto/servizio può essere utile solo fino a un certo punto. Le persone spendono anni e denaro cercando di trovare ciò che piace ai potenziali clienti, senza mai chiedere se sono disposti a spendere per quel tipo di prodotto.

E qui quello che ti può aiutare è un prototipo che abbia le funzionalità base del prodotto. Ovvero una versione rudimentale del prodotto finito che distribuendola ti permette di capire la potenzialità della tua idea di business.

 Un modello di business è un elemento che nel tempo varia, ciò che deve sempre considerare e avere è il giusto mix di elementi  come essere ripetibile, scalabile, e redditizio. Così da aumentare le probabilità di successo della tua impresa.

Su solide fondamenta si costruiscono solidi imperi, e Roma non è stata costruita in un giorno.

Il processo di avvio

Immagino che se stai leggendo questi articoli vuoi creare l’impresa dei tuoi sogni o ampliare la tua già esistente. E immagino quanto questo sia importante per te.
Per questo ho creato una guida completa: il processo di avvio per aiutarti a trasformare la tua visione in realtà.