Seleziona una pagina

Hai intenzione di avviare una startup?

Sei un imprenditore che vuole avviare nuove linee di business?

Bene, sei nel posto giusto.

Che tu sia uno startupper o un imprenditore navigato, le domande da farsi prima di iniziare un nuovo business sono le medesime.

Magari hai una grande idea per nuovo prodotto o servizio, ma potresti avere dubbi sulla sua realizzazione e sulla sua reale potenzialità.

Avviare un nuovo business può spaventare, se hai già un’impresa alle spalle può spaventare il fatto che essa debba funzionare senza di te (per far funzionare un’impresa senza la tua presenza, te lo spiegherò in uno dei prossimi articoli), se hai un lavoro da dipendente può spaventare lasciare il lavoro, se sei un giovane con gli occhi pieni di sogni forse non ti spaventa nulla.

Statisticamente, la maggior parte delle nuove imprese fallisce entro il primo anno e solo percentuale minore ha il successo sperato.

In questo momento storico, nel quale reperire denaro e risorse è molto semplice, avviare un’impresa è molto più facile rispetto ad anni fa.

Prima di iniziare a investire tempo e risorse nella tua idea di business, comincia ponendoti queste domande:

 

Perché voglio avviare un business?

Se lo fai perché odi il tuo lavoro o perché lo stanno facendo tutti gli altri ed è l’ultima moda, la tua avventura non durerà a lungo. Inizialmente l’entusiasmo è alle stelle, ma con il passare del tempo cala, ed è qui che se non hai la passione per ciò che fai e non ti prendi la responsabilità che assumersi il rischio d’impresa comporta, fallirai.

 

Quale problema cerco di risolvere / quali nicchie non sono state servite / quali lacune esistono sul mercato?

Comprendi a fondo quale problema del mercato vuoi risolvere, se c’è spazio d’azione o se ci sono nicchie che non sono servite con prodotti e servizi ad hoc.

Se le aree indicate qui sopra trovano riscontro nella tua idea di business, allora hai già fatto un primo passo.

 

Qual è il pubblico di riferimento (Target) del mio business?

Se hai capitali illimitati allora passa alla prossima domanda.

Se non è così allora è il caso che tu scelga il tuo pubblico di riferimento. Poichè una piccola impresa o una startup non può raggiungere tutti, e per questo deve focalizzarsi su un Target ben preciso.

Concentrandoti sul tuo Target non sono potrai mettere in campo strategie di marketing e di sviluppo molto mirate e con costi contenuti, potrai anche ricevere i maggiori ritorni sugli investimenti di lungo periodo.

 

Di quali risorse economiche hai bisogno per avviare la mia impresa? Come posso ottenere quelle risorse?

Ogni nuova impresa deve comprendere a fondo di quante risorse economiche ha bisogno e sono essenziali per la sua crescita. Esistono vari modi per ottenere finanziamenti e denaro per la tua startup o nuova linea di business.

  • Venture capitalist, hanno come obiettivo il profitto;
  • Business Angel, hanno come obiettivo la crescita e il profitto;
  • Banche, hanno come obiettivo di rientrare di tutto il prestito più gli interessi.
  • Crowdfunding, ha come obiettivo la crescita dell’impresa da parte di tanti micro finanziatori che credono nella tua idea.
  • Bootstrap (finanziamento dai propri risparmi).

A lungo termine, ovviamente, a meno che tu non sia Jeff Bezos la tua impresa dovrà diventare redditizia e non dipendere più dai finanziamenti, ma dal profitto che è in grado di generare.

 

L’idea imprenditoriale è scalabile? In caso contrario, come posso renderla scalabile?

Un’impresa scalabile è un business che non è legato direttamente al tuo tempo, ma che può essere replicata o “scalata” indipendentemente dalla saturazione della tua agenda, così da poter gestire un crescente numero di clienti.

O cresci o muori

Le imprese devono crescere per avere successo. Se non riesci a vedere la potenziale crescita del tuo business in futuro, allora riprendi in mano il modello di business e chiediti quali cambiamenti devi apportare per renderlo potenzialmente scalabile.

 

Chi sono i concorrenti / chi altro sta già facendo quello che voglio fare?

Il vantaggio di essere il primo è sicuramente una grande forza propulsiva per la tua impresa, ma a volte anche essere il secondo ha i suoi vantaggi. Puoi vedere da subito se l’idea dei tuoi concorrenti funziona e studiarli approfonditamente. Quando si tratta di un campo completamente nuovo le abitudini dei consumatori devono adattarsi e per questo sono richiesti molti sforzi per posizionarsi nella mente dei clienti ed entrare nelle loro abitudini. Che tu sia il primo, il secondo o il terzo valutare la concorrenza è fondamentale, studiare le loro strategie di marketing, di vendita, di pricing. Per poi migliorarle e plasmarle su di te prendendoti quel vantaggio a cui miri.

Cosa rende il mio prodotto o la mia soluzione speciale o diversa dalla concorrenza?

Se qualcuno sta già facendo la stessa cosa che hai intenzione di fare e lo fa meglio di quanto tu possa mai fare, non ha senso andare avanti, a meno che tu non lo faccia in modo diverso.

La tua soluzione o prodotto potrebbe operare nello stesso spazio dei tuoi concorrenti, ma deve fornire ai consumatori un valore unico che riporti unicamente a te e alla tua impresa.

 

Come testerò e convaliderò l’idea del prodotto?

Immagina la quantità di sforzo, tempo e risorse di cui avresti bisogno per trasformare la tua grande idea in realtà e poi lanciarla sul mercato solo per rendersi conto che l’idea non era davvero “grande” dopo tutto. Nessuno vuole questo.

È qui che entrano in gioco i test sulle idee e le ricerche di mercato . Approcci di sviluppo del prodotto relativamente più recenti come l’approccio lean ti consente di testare le tue idee in beve tempo. Se funziona e il pubblico di riferimento ti acclama a gran voce allora puoi andare avanti. Altrimenti torna alla scrivania e riprovaci.

 

Sono pronto a dare il tempo, le risorse e il capitale necessari per avere successo? Quali sacrifici e rischi sono pronto a correre per l’azienda?

L’avvio di una startup o di un nuovo business richiede molto tempo, sacrifici e una sana dose di rischio. Se pensavi che essere il capo di te stesso significasse libertà totale e guadagni a 6 cifre, allora devi rivedere le tue convinzioni. Almeno all’inizio l’avvio di un nuovo business ha bisogno di molta energia per partire, per acquisire inerzia. Qualche weekend può essere che dovrai dedicarlo al tuo business. Questa è solo la punta dell’iceberg. Quindi dovresti essere preparato a tutto questo prima di decidere di avviare un business.

In realtà credo che tu sia pronto, se stai leggendo queste parole l’unica cosa che ti può frenare è un’idea di business non molto valida, o la paura. Vai oltre alla paura, sarà impegnativo e arduo ma sono sicuro che ci riuscirai.

Se ti serve aiuto per lanciare il tuo business, cerchi la motivazione, lo studio di un business model e tutte le strategie d’avvio, contattami.

 

Ho le competenze e le capacità necessarie per avviare e gestire le operazioni quotidiane di un business?

Devi chiederti se ti senti in grado e se hai le competenze per gestire la tua idea di business, a me piace molto fare impresa con dei soci, proprio per sostenerci a vicenda e colmare ogni tipo di gap a livello di conoscenze. Fai squadra.

Nel caso tu sia da solo e non conosci nessuno con cui avviare il tuo business, o tu scelga di farlo da solo allora chiediti come puoi acquisire le competenze che ti mancano.

Se vuoi consigli o vuoi propormi un’idea per la quale ti serve un aiuto strategico, contattami.

 

Quali sono gli obiettivi a breve e lungo termine, per me e per la mia impresa?

Le strategie che metterai in campo per far crescere la tua impresa, dipenderanno anche dai tuoi obiettivi e da quelli che hai per il tuo business.
Comincia a scrivere come raccoglierai fondi, come svilupperai e lancerai il tuo prodotto o servizio, di quante persone hai bisogno nel tuo team, quali costi dovrai sostenere, ecc.

Chiediti dove vorrai essere tra 3-5 anni e se il tuo sogno è abbastanza forte da portarti così lontano.

 

Ho una conoscenza e una comprensione sufficienti del settore in cui sto cercando di entrare? In che modo la mia esperienza e istruzione passate mi possono aiutare?

È assolutamente fondamentale conoscere il settore nel quale vuoi fare business. Conosci il mercato, conosci il business, non basarti solo su cosa ti piace.

Ti piace la birra? Bene, questo non basta per avviare un business, devi sapere come fare la birra e soprattutto come vendere la birra.  essenziale avere una conoscenza approfondita del settore in cui la tua azienda opererebbe.

Vai a lavorare in un birrificio per qualche mese, comprendi a fondo il business e a quel punto lanciati nel mercato. (Occhio a non farti male se ti lanci! )

 

Ho bisogno di uno o più soci per la tua idea? In caso affermativo, quali competenze complementari dovrebbero avere i tuoi potenziali soci? 

Non tutti sono bravi in ​​tutto. E per fortuna, aggiungo.
Potresti essere un eccellente tecnico, ma potresti ancora mancare di competenze di marketing o conoscenza finanziaria. Per questo è utile attorniarsi di persone che possano colmare il tuo gap di conoscenze e competenze.

Il tuo o i tuoi soci non devono solo integrare le abilità che a te mancano, quello è il minimo. Il tuo o i tuoi soci devono condividere la tua visione con la massima passione, e soprattutto condividere i tuoi valori. Nel breve termine una discrepanza di Visione e di Valori non si manifesta in modo pesante, ma nel lungo termine può portare conseguenze molto pesanti a livello emotivo.

Scegliere i co-fondatori è uno dei passaggi più delicati e cruciali nell’avvio di un business. Non avere fretta, dedica molto tempo e molta scrupolosità nel scegliere il tuo team di fondatori.

 

Di quale struttura organizzativa ho bisogno a breve e lungo termine?

Se hai frequentato corsi di economia o scuole ad indirizzo economico, ti verrà insegnato una lista di strutture organizzative. Anche se potrebbe sembrare inutile, tutte hanno uno scopo. Una piccola azienda può lavorare meglio con una struttura piatta e man mano che cresce, la struttura continua a diventare più gerarchica. Esistono vari tipi di strutture e dovresti capire quale struttura si adatta meglio alla tua azienda in quale fase per il suo funzionamento ottimale.

 

Di quanti collaboratori avrò bisogno?

Pensa ai costi e a quanto ti puoi permettere. Tieni presente il valore che ti aspetti da ciascun dipendente. Durante l’avvio, la qualità conta più della quantità. Valuta attentamente se sono necessari dei collaboratori fin dall’inizio.

Ragiona sempre con la logica “prima vendi poi compra”.

 

Come deve essere creata la struttura legale per la mia azienda?

È una delle decisioni più importanti durante la costituzione di una nuova società. La tua scelta dipende dalle conseguenze fiscali e dal rischio che sei disposto a correre. A seconda di ciò, è possibile scegliere una struttura legale in base alle proprie esigenze , che si tratti di una ditta individuale o di una Srl.

Trova un commercialista di fiducia che sappia consigliarti. Un commercialista non deve solo fare la tua denuncia dei redditi, un commercialista deve saperti consigliare e supportare nelle decisioni a livello legale/finanziario.

Chiedi referenze ad imprenditori esperti.
Non ne conosci?
Cercali su Linkedin e chiedi

 

Che tipo di tasse dovrei pagare per l’azienda? Quali altre spese, compresa assicurazioni ecc., devo prendere in considerazione?

Dovresti sapere come navigare nel panorama fiscale come fondatore di startup. Le imposte e le passività variano molto a seconda della struttura legale della società.

Vale la stessa regola del punto precedente, trova un commercialista di fiducia.

 

Sono pronto a incontrarmi incessantemente e fare rete con molte persone per investimenti, promozioni, pubblicità ecc.?

Avviare una nuova società significa anche stringere molte mani.
A volte per cercare soci, a volte per presentare idee a potenziali investitori, a volte per ascoltare solo idee di colleghi imprenditori. Devi essere a tuo agio nel conoscere nuove persone. Se pensi di essere timido, allora cambia idea di te. Come dice Luca Tagliapietra, imprenditore vicentino: “Le relazioni sono alla base del fare impresa”.

 

Come posso poi vendere la mia attività? Voglio venderla?

Se il tuo business è scalabile, allora al 99,9% è anche vendibile.

Quindi ora lascia a tra qualche anno questa domanda e mettiti al lavoro.

Credo in te.